Ali Bader

Ali Bader è nato nel 1979 in Iraq, dove ha studiato Filosofia e Letteratura francese all’Università di Baghdad. È considerato una delle voci più originali e interessanti della nuova scena letteraria araba. Scrittore prolifico, è autore di quindici romanzi, numerose opera di saggistica, sceneggiature teatrali e due raccolte poetiche. Ha lavorato come corrispondente di guerra in Medio Oriente.

Nel 2001 esordisce con il romanzo Papa Sartre (pubblicato in arabo a Beirut, tradotto nel 2009 in inglese da AUC Press poi nel 2014 in francese da Editions Seuil), con cui vince il Premio nazionale per la Letteratura di Baghdad nel 2002 e il Premio tunisino alla Letteratura Abu Qassim al-Shaabi, ma a causa di un’aspra campagna stampa nei suoi confronti è costretto a lasciare l’Iraq.
Nel 2009 il romanzo The tobacco keeper– ambientato tra Damasco, Teheran e Baghdad – viene selezionato per il prestigioso Arabic Booker Prize, tradotto in inglese da Bloomsbury e in francese da Seuil con il titolo “Vies et morts de Kamal Medhat”.

Attraverso uno stile diretto, Bader nei suoi libri unisce la riflessione filosofica e letteraria a temi universali di stringente attualità: il concetto di espropriazione e di identità, la recente storia dell’Iraq, il jihadismo, le violenze esercitate dai jihadisti sulla popolazione civile, la migrazione verso l’Europa, la difficile integrazione dei musulmani in Europa.
Oggi vive a Bruxelles, dove lavora come giornalista, commentatore politico e romanziere.

Scarica qui la rassegna stampa internazionale sui libri di Ali Bader.